motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
Recensioni LE ALPI PER NOI ...E NOI PER LORO?
da ttL LA STAMPA sabato 15 maggio 2004

CITTA' E MONTAGNE, UN DESTINO COMUNE

Enrico Camanni

Luigi Dematteis è il direttore della collana dei "Quaderni di cultura alpina" di Priuli & Verlucca. Ha attraversato le Alpi in inverno con Walter Bonatti, ha scritto tredici quaderni sull'architettura alpina, vive in Val Varaita. Si occupa di Alpi da sempre, o almeno da quando, nel 1975, impressionò favorevolmente il pubblico degli appassionati e degli specialisti con quell' Alpinia che, a tutt'oggi, resta la sua opera più completa, anche perchè uscì in tempi in cui le Alpi erano tutt'altro che di moda e ci si rifaceva ancora a testi di vecchia concezione geografica, legati a retoriche e stereotipi del passato. Alpinia ebbe il merito di fornire una fotografia aggiornata della catena, spaziando da Nord e a Sud, a Ovest e a Est, e tratteggiando i problemi che si delineavano in presenza di una civiltà in via di dissoluzione e di un territorio in rapida trasformazione.
Oggi le Alpi sono definitivamente cambiate e Dematteis torna con un libro più di foto che di testi, efficaci immagini e lunghe didascalie, che riprendendo alcune tematiche precedenti (le Alpi archiviate, cioè la storia; le Alpi pascolate e coltivate, cioè l'agricoltura; le Alpi abitate, cioè l'atropizzazione) le incrocia con problematiche "nuove"e imbarazzanti: le Alpi lottizzate, le Alpi sfruttate, le Alpi vendute, le Alpi arrabbiate, le Alpi riconciliate. Non ha il tono moralista nè la rabbia dell'ambientalista, ma mette il dito in tutte le piaghe: "Il cosiddetto benessere raggiunse anche le Alpi, sebbene molto in ritardo e, purtroppo, non a seguito di un processo spontaneo, bensì quale risultato della colonizzazione urbana. Arrivò anche il denaro, ma per espropriare i montanari delle terre e delle case dei loro avi e, cosa ancor più grave, della facoltà di decidere sulle proprie risorse e amnministrarle. Come se non bastasse, questa perversa spirare coinvolse soltanto qualche località privilegiata, creando disparità intollerabili: in una valle modernità, ricchezza e sperpero, in quella a fianco un decoroso tramonto contadino. Risultato: incremento demografico da una parte contro un esodo dalle percentuali altissime dall'altra".
Oggi che anche i movimenti protezionisti di impronta tipicamente urbana, e gli orientamenti politici internazionali come la Convenzione delle Alpi, concordano sul processo partecipativo delle popolazioni locali alpine, le idee di Dematteis appaiono illuminate e in un certo sensoanche profetiche, perchè elaborate in tempi in cui la città aveva sempre l'ultima parola.
C'è però una complessità di cui bisogna tener conto e che rende tutte le decisioni più difficili: l'economia urbana e l'economia montana sono ormai idissolubilmente unite da un destino comune, che rende anacronistica e sterile la contrapposizione tra città e montagna. In tempi di globalizzazione anche il "locale" alpino ha assunto un valore completamente diverso: la montagna non è più "l'altro" mondo, il rifugio, la fuga dalla metropoli, ma un mondo diverso, forse più virtuoso, certamente più sostenibile, di coniugare la stessa realtà.
_________________________________________________________________________________________
da LA PADANIA martedì 02 novembre 2004

I NOSTRI MONTI
Un enclave culturale che dobbiamo salvare: industrializzazione e urbanizzazione hanno aggredito i nostri paesaggi, deturpando aree di grande bellezza. Ma non tutto è perduto, come dimostra un libro edito da Priulli & Verlucca.

ALBERTO LOMBARDO

Industrailizzazione e urbanizzazione hanno aggredito i nostri paesaggi, deturpando aree di meravigliosa bellezza. Gli ultimi secoli, e in particolare misura gli ultimi decenni, hanno visto una spaventosa accellerazione nell'intrusione di fumi, asfalti, macchinari e cementi, in luoghi sino a poco tempo fa incontaminati. Alla base di questa turpe aggressione verso l'ambiente, sta una concezione predatoria e utilitaristica della natura, vista quale micro strumento nelle mani dell'uomo, concepito invece come il signore e il fulcro dell'intero universo.
Nei tempi antichi una simile idea avrebbe fatto inorridire qualunque persona di buon senso. Tradizionalmente, infatti, il consumo veniva concepito come una totalità, della quale l'uomo è parte integrante e nella quale vive in modo simbiotico. In via esemplificativa si possono richiamare, a questo proposito, le immagini sacrali di boschi, fonti e ruscelli; le divinità che gli antichi ritenevano dimorare sulle vette montane o agli incroci dei sentieri, quelle protettrici della caccia o dei raccolti, o ancora le feste legate al ciclo annuale, che avevano una precisa corrispondenza con altrettante fasi della vita dell'uomo. Spezzato il legame tra uomo e natura, secolarizzati i rapporti di tipo sacrale e religioso col mondo, l'ambiente in cui viviamo ha finito per l'appunto col venire considerato alla stregua di nuna semplice risorsa da sfruttare, vuoi a fini industriali, estrattivi, commerciali, o turistici. Anche la fauna ha subito gli effetti devastanti delle idee di matrice illuministica. Questa metamorfosi dell'ambiente è esaminata con cura e passione da Luigi Dematteis , autore di un altro prezioso volume che è venuto recentemente ad arricchire la nota collana "Quaderni di cultura alpina": essa, fiore all'occhiello delle attività delle Edizioni Priuli e Verlucca, annovera testi dal contenuto vario, ma accomunati da uguale rigore scentifico. Il libro si sofferma maggiormente - per il piacere del lettore - su come le Alpi erano ( e in parte, fortunatamente, ancora sono) ossia su quella severa cultura contadina che commuove profondamente per la sua bellezza semplice e autentica. Seguendo un itinerario non geografico ma tipologico, l'autore ci conduce così, di capitolo in capitolo, attraverso le Alpi "archiviate, pascolate, coltivate, abitate, consacrate, lottizzate, fortificate, studiate, scalate, sfruttate , attraversate, vendute arrabbiate e riconciliate". Vediamo così in rapida successione monti, valichi, baite, il duro lavoro di uomini e muli, le fortificazioni medievali e quelle della Grande Guerra, mappe rinascimentali e architetture ultramoderne. Ciò che resta, voltata l'ultima pagina e osservate tutte le 370 fotografie che compongono il volume, è una gran voglia di tornare al più presto a respirare l'aria di questi luoghi di grande richiamo spirituale, per ritrovare quel che ha resistito sinora alla foga distruttrice dei tempi moderni.
 
LE ALPI PER NOI ?E NOI PER LORO?
Un'ampia carrellata di immagini e di commenti sulle Alpi, esaminate in tutta la loro estensione nel tempo e nello spazio. Partendo dai pi? vistosi mutamenti avvenuti a memoria d'uomo, l'autore focalizza i contrasti verificatesi nell'ultimo secolo [..]
PRIULI & VERLUCCA - 2004
pp. 96
formato 21x29,7
brossura editoriale con sovracoperta rigida plastificata
19.50 €
10.00 €
9788880682363
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com