motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
IL NOSTRO VINO QUOTIDIANO
DIMMI COSA BEVI E TI DIRÒ CHI SEI
di Antonio Guarene

La cucina di un Paese è espressione della sua civiltà e rientra direttamente nei valori della sua cultura. È per questo motivo che io diffido molto della capacità di tanti critici che privilegiano, nelle loro valutazioni, soltanto la fredda tecnica della cucina e la tipologia del ristorante, dimenticandosi che la cucina è "storia" e che i cibi e i vini autoctoni devono essere magnificati come i pochi valori elementari, insostituibili, radicalmente umani, che ci sostengono. Come ogni altra forma d'arte, anche la cucina nasce dall'energia creatrice degli uomini ed esprime gli aspetti e i significati con i quali si sono manifestati storicamente. Sono un amante della cucina per quella sorta di elevazione che ci procurano i sapori e i colori; trovo in essa una forma di sensualità, che spesso latita nella nostra vita. Tra i piaceri supremi, quello della tavola può far tacere, almeno temporaneamente, le disperate condizioni umane. Grande protagonista ne è il vino: i suoi colori, i suoi profumi, il suo mondo, la sua gente, i suoi umori danno una visione più allegra della vita. "In fondo al vino si nasconde un'anima", scriveva il poeta lirico Théodore de Banville.
Ci sono due concezioni che ne dominano il mercato. Da una parte l'ideologia dei piccoli produttori, i cultori sapienti del gòut du terroir, il sapore sul quale ha influito la natura del terreno di produzione e i cantori del vino, come espressione diretta della cultura delle antiche tradizioni del territorio in cui si è prodotto. Dall'altra, l'ideologia commerciale dei grandi produttori, i fautori della globalizzazione industriale, dei frenetici managers, degli esteti della barrique ed il vino che sa di legno.
Per me, mangiare bene vuoi dire anche bere bene. Amo solo quel vino che rappresenta ancora un rapporto che lega l'uomo ai prodotti nati dalla terra. Balzac diceva che il cibo è la parte materiale del pranzo, il vino quella spirituale. Quando lo bevo con gli amici mi dà la sensazione di vivere un rito antico. "C'è più filosofia in una bottiglia di vino che in tutti i libri", asseriva, nella metà dell'Ottocento, il chimico francese Louis Pasteur. Ricerche archeologiche hanno accertato che la vitis vinifera silvestris, aveva nella terra le sue radici già trecentomila anni fa. La Bibbia esalta l'importanza del vino non solo sul piano agronomico ma soprattutto nelle sue metafore ne riconosce l'aspetto prevalentemente culturale, allegorico e simbolico. Nel libro della Genesi il patriarca Noè è ricordato come colui che diede inizio alla viticoltura ma anche come colui che per primo esperimentò gli effetti inebrianti del vino. Noè piantò la prima vigna e dopo averne bevuto il vino andò in cimbali diventando il primo ubriaco della storia.
Anche gli dei trincavano. Li vediamo, nell'Iliade, seduti accanto a Zeus che li ha riuniti a consulto nelle auree sale dell'Olimpo. La splendida Ebe, la cui presenza allieta il convito, mesce loro il vino ed essi, rubizzi e già un po' ebbri, levano le loro coppe l'uno verso l'altro mentre contemplano pigramente dall'alto la città dei troiani. Pure Dioniso coltivò la vite e divenne nume dell'ispirazione e il dio del vino. Fu festeggiato con Tyocessioni folli e tumultuose, da satiri, menadi e virulenti priapi dal brando imperioso. I satiri, demoni dei boschi e della natura selvaggia, in gran parte umani ma provvisti di coda, orecchie da cavallo e zoccoli, si esibivano sbronzi in danze eccitanti con il membro virile, ribelle e incontrollabile, in perenne erezione in delirio per Afrodite, dea di prorompente bellezza, dell'amore, e della fecondità. Le menadi, ninfe della montagna, ballavano ebbre caracollando mentre suonavano il flauto, portando sulle spalle otri di vino. In Grecia, con il culto di Dioniso, il vino divenne fonte di verità (in vino veritas!) e nettare degli dei. Diede energia vitale e da que-sta, secondo il mito, derivò il termine vite. Platone indicò nelle libagioni di vino la premessa indispensabile per ogni seria meditazione filosofica. Bere e filosofare dovevano procedere di pari passo, quasi l'argomentare potesse trarre maggiore familiarità con il sacro. Dioniso fu il dio della terra vegetale, degli alberi sempre verdi, dei fiori e dei frutti. Presiedeva alla pigiatura e alla torchiatura, come ci mostrano i vasi greci su cui sono raffigurati i sileni; divinità minori di natura equina, grassi e calvi ma dotati di ironica ed equilibrata saggezza. Ignudi e costantemente ubriachi calpestano con ardore grappoli nel tino. Il vino unisce, familiarizza. In quel tempo persino i barbari più efferati conoscevano il brindisi dell'amicizia che i greci chiamavano filotèsia. Nella Roma antica esisteva invece la formula del Tibi propino, bevo prima di te per te, che si pronunciava nel porgere ad un amico la coppa già iniziata.
[..]

SOMMARIO

Il nostro vino quotidiano

Bere bene con moderazione per migliorare la qualità della vita

Maria Teresa Armosino

Il vino è storia, cultura, economia
Mario Sacco

Dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei
Antonio Guarene

Come un saggio inizia l'apprendista ai misteri del vino
A cura dell' O.N.A.V.

La gioia di bere bene
Ercole Zuccaro

La costellazione dei D.O.C.
Michele Alessandria

Elogio del bevitore
Giovanni Arpino

Asti, una ricca e prestigiosa cantina
Paolo Guercio

Il vero amore
Franco Piccinelli

Il vino del cuore
Sergio Miravalle

L'elogio dell'astemio
Davide Lajolo

Il vino del barman
Beppe Sola

Il vino in cucina
Piero Bava

Le ricette del vino
Giovanni Goria

Il vino della memoria
Vanni Cornero

Il bevitore sacrilego
Livio Burato

Storie di vino
Gino Nebiolo

Asti capitale del vino

Gli indirizzi del vino

Il vocabolario del vino
A cura dell'O.N.A.V.

Abbiamo sfogliato




aa.vv.

IL NOSTRO VINO QUOTIDIANO

editore SPETTATTORE LIBRI
edizione 2010
pagine 108
formato 22,5x21,5
brossura
tempo medio evasione ordine
5 giorni

15.00 €
12.70 €

ISBN :
EAN :

 
©1999-2021 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Cell +39 3490876581
Spedizioni corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com