motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
IL VIAGGIO IN ORIENTE 1861/1862
Ernesto Balbo Bertone di Sambuy (Bertoun Testoun)
1861 - 1862. Undici mesi tra i cavalli e a cavallo con una missione delle Scuderie Reali tra Torino e Bagdad e il Kuwait; la ricerca di esemplari arabi di qualità si svolge mentre l'Italia unita fa i suoi primi passi e lungo un percorso dove sono appena finiti i sanguinosi tormenti interreligiosi e dove continuano le turbolenze delle indomite tribù arabe.
Nelle brevi note giornaliere stese con la punta metallica su un taccuino tascabile il ventiquattrenne Ernesto Balbo Bertone di Sambuy annota i percorsi e le fatiche; confronta la sua sperimentatissima conoscenza del cavallo con l'osservazione degli usi arabi; verifica le sue conoscenze della storia, dell'arte, della geografia politica con le osservazioni e i colloqui. Undici mesi in cui le settimane della fatica si alternano a quelle dell'attesa in cui la nostalgia lo chiama verso il Piemonte e verso quella sua Torino che lo avrà sempre cittadino devoto e amministratore illuminato.
Il lettore è condotto a rivisitare i luoghi percorsi dalla missione reale e a immaginarli come si presentavano centocinquant'anni fa. E a sentire tra le righe come la fatica, il disagio, l'imprevisto si fondano con l'esperienza delle diverse realtà per collaborare alla formazione di un giovane "uomo".


PRESENTAZIONE

La prestigiosa Società Storica Lombarda da decenni ha in Luigi Orombelli il perno ed il coordinatore di tutta l'attività sociale. Ancora di recente in un ampio convegno organizzato alla Reggia di Venaria dalla Giunta Centrale di studi storici in occasione del 150° anniversario dell'Unità nazionale è stato lui l'apprezzato rappresentante della Società Storica Lombarda a discutere del contributo delle Deputazioni e Società di storia patria e degli Istituti storici nazionali circa "La storia della storia patria".
Il profondo ed appassionato interesse di Luigi Orornbelli per la storia lombarda si accomuna peraltro ad uno stretto legame con l'orino ed il Piemonte, per la sua discendenza diretta - per via materna - dal conte Ernesto Balbo Bertone di Sarnbuy, aristocratico di rilievo della Torino ottocentesca, sindaco della città nel triennio 1883-86 e poi senatore del regno.
Il giovane conte Ernesto, reduce da una formazione all'estero dopo la perdita dei genitori, è stato attratto - venticinquenne - da una missione in Oriente svolta nel 1861-62 per conto di Vittorio Ernanuele II appena proclamato re d'Italia: cavaliere di rango, è stato inserito nel piccolo gruppo di esperti, incaricati di acquistare selezionati cavalli arabi per le scuderie reali, da potenziare proprio nel momento in cui l'acquisizione del nuovo titolo regio imponeva alla dinastia di tenere alto in ogni modo il proprio prestigio.
Non era la realizzazione tradizionale del "grand tour" in auge nella classe dirigente dell'epoca, ma poteva essere un'esperienza stimolante per un giovane aristocratico torinese curioso di conoscere il mondo, ed in specie q uellimbiente orientale, che all'epoca attirava molti interessi di letterati e politici.
[..]
Una missione in Oriente, i cavalli, un Diario
Per volontà del Re d'Italia una missione delle Scuderie Reali si svolse nel vicino Oriente tra settembre 1861 e agosto 1862 per acquistare cavalli arabi di qualità. Comandata dal colonnello Federico Frichignono di Castellengo, vi partecipò il conte Ernesto Balbo Bertone di Sambuy. Questi, che chiameremo dorinnanzi Sambuy, tenne giornalmente delle note di viaggio, il Diario, su un taccuino che misura millimetri 157 per 82.
Oltre alle 60 facciate di Diario in senso stretto il taccuino contiene alcuni schizzi, un fotoritratto di gruppo e molti Appunti quali una. lista dei componenti la spedizione, elenchi e note varie di regali,
di piccole spese., di corrispondenza e altro. Sulla base degli schizzi tracciati durante il viaggio Sambuy realizzò in seguito dodici disegni.

I Cenni
Dopo il ritorno Sambuy creò un breve racconto limitato al solo tratto di andata fino a Bassora, in italiano; chiamato Dal Mediterraneo al Golfo Persico - Brevi Cenni intorno ad un viaggio in Oriente 1861-1862 e volto in bella copia da Sr. Torelli„ Nlin.rodella Marina.
Di mano di Sambuv sono pochissime indicazioni di raccordo del testo con i disegni; il tono vagamente declamatorio di certe frasi potrebbe far pensare che fosse destinato alla presentazione a qualche circolo totinese; Paolo Magrini (Loisins, v. oltre, p. 38) evoca invece in proposito un contatto epistolare con l'Editore Treves per la pubblicazione in anni successivi.
La nipote Anna Carrara di Sambuv a San Paolo del Brasile curò una prima trascrizione del Diario, che fu da lei dattiloscritto i nsienie ai Cenni intorno al 1990 e destinato alla diffusione famigliare. E a lei, alla sua devozione per questa leziosa memoria che si deve la messa in luce del Diario. E a suo figlio Fabrizio che l'ha tenuta viva e l'ha onorata, come testimonianza di affetto da parte sua e (lei suoi fratelli per le radici italiane.
Assieme al Diario e ai Cenni sono stati conservati la Carta descrittiva del viaggio dal Mediterraneo al Golfo Persico - Spedizione Italiana 1861-1862, una decina di documenti (lasciapassare etc.) in scrittura turco-ottomana o araba, e qualche altra carta.
[..]




Luigi Orombelli - Luca Pizzocheri

IL VIAGGIO IN ORIENTE 1861/1862

editore CENTRO STUDI PIEMONTESI
edizione 2012
pagine 288
formato 17x24
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

28.00 €
28.00 €

ISBN : 978-88-8262-191-9
EAN : 9788882621919

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com