motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
TORINO 1861-2011
Storia di una città attraverso le esposizioni
Ripercorrere la storia di Torino attraverso
il racconto delle grandi esposizioni, dall'Unità a oggi.

1884, 1898, 1902, 1911, 1928, 1961: un florilegio di eventi straordinari che hanno accompagnato e spesso determinato
i grandi cambiamenti della città.

Le immagini, la cronaca, i personaggi, gli edifici, le curiosità.

Alla vigilia del centocinquantenario, una storia diversa.

La nostra storia.

Forse non tutti sanno che, negli ultimi centocinquant'anni, Torino è stata protagonista di una serie di esposizioni di rilevanza internazionale che hanno segnato la vita della città. Per testimoniarne l'importanza basterebbero le cifre: 3 milioni di visitatori nel 1884 e nel 1898, addirittura 7 nel 1911, più di 6 per Italia 61, un evento rimasto profondamente impresso nell'immaginario di migliaia di torinesi. Il volume racconta per la prima volta, in maniera divulgativa ma rigorosa, l'affascinante storia delle esposizioni torinesi tra Otto e Novecento, collocandole nello spazio (urbano) e nel tempo (storico) in cui si sono svolte. Più di 300 immagini, tra fotografie d'epoca, cartoline e cartellonistica; le piante delle esposizioni «calate» nella Torino di oggi; i personaggi e gli artisti coinvolti. E, fra un'expo e l'altra, i piccoli e i grandi eventi della storia della città, dall'Unità a oggi.
Torino fra modernità e contemporaneità.

SOMMARIO

PROLOGO
UN FRUTTO DELLE RIVOLUZIONI

CAPITOLO 1
TORINO COME PARIGI

CAPITOLO 2
FIGLIA PREDILETTA DEL RISORGIMENTO (L'ESPOSIZIONE DEL 1884)

CAPITOLO 3
PROVE TECNICHE DI CONCILIAZIONE (L'ESPOSIZIONE GENERALE DEL 1898)

CAPITOLO 4
L'ARTE DIVENTA INDUSTRIA (L'ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI ARTE DECORATIVA DEL 1902)

CAPITOLO 5
NASCITA DI UNA METROPOLI

CAPITOLO 6
L'ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DEL 1911

CAPITOLO 7
DOPO LA GUERRA

CAPITOLO 8
PER IL DUCE E PER IL RE. L'ESPOSIZIONE DEL 1928

CAPITOLO 9
UN MILIONE DI ABITANTI

CAPITOLO 10
LE CELEBRAZIONI DI ITALIA 61

CAPITOLO 11
LA NUOVA TORINO

APPENDICE ANTOLOGICA

PROLOGO

UN FRUTTO
DELLE RIVOLUZIONI

Non sappiamo se, in assenza della rivoluzione francese, la moda delle esposizioni — che caratterizzò tutto l'Ottocento, penetrando I fondo anche nel Ventesimo secolo — avrebbe muto altrettanta fortuna. In ogni caso, fu proprio nell'evento — glorioso o luttuoso, secondo che lo s: voglia considerare — a imporne l'effettuazione, al ii qua e al di là dell'Atlantico. Vediamo dunque :ome sono andate le cose.
La Rivoluzione, com'è noto, oltre a introdurre nell'uso corrente la ghigliottina, il berretto frigio e la Marsigliese, aveva anche operato una robusta modifica del calendario. Non più dodici mesi di diversa lunghezza, che facevano disordine e obbligavano ad apprendere a memoria sciocche filastrocche per ricordare la durata di ciascuno di essi. Memori di essere figli del razionalismo illuminista, i riformatori introdussero una successione ordinata di mesi, tutti rigorosamente di trenta giorni — non uno di più, non uno di meno — senza badare troppo al fatto che così avanzavano cinque giorni che andavano collocati in qualche modo: perché se era agevole modificare il calendario, non altrettanto agevole risultava modificare la meccanica celeste. La questione venne risolta stabilendo che i giorni in questione, detti «complementari», venissero dedicati «al culto della dea Ragione».
Prospettata in questo modo, la riforma suonava bene; la situazione, però, s'ingarbugliava quando si dovette stabilire in concreto che cosa avesse a intendersi per «culto», e attraverso quali cerimonie andasse praticato. E così, dopo alcune esperienze infelici, il ministro dell'Interno, Frainois de Neufchateau, incaricato dal Direttorio di organizzare le celebrazioni, che dovevano necessariamente avere carattere popolare, ritenne di indire una specie di sondaggio ante litteram ascoltando il maggior numero possibile di pareri.
[..]





Pier Luigi Bassignana

TORINO 1861-2011

editore CAPRICORNO
edizione 2011
pagine 262
formato 21x22,5
brossura
tempo medio evasione ordine
2 giorni

10.90 €
10.90 €

ISBN : 978-88-7707-122-4
EAN : 9788877071224

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com