motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
TORINO
Il grande libro della Città
Il volume si propone di fornire uno strumento pratico e approfondito per una più completa conoscenza della città, attraverso una sistematizzazione culturale ad ampio raggio della situazione passata e presente di Torino. Le voci, curate da qualificati specialisti e attinenti tutte le discipline (arte, cultura, economia, geografia, storia, tradizioni ecc.) sono articolate in una prima parte in grandi temi che illustrano in modo esauriente le principali caratteristiche della città, della sua storia e cultura e in una seconda parte in 800 voci monografiche che descrivono più in dettaglio singoli luoghi, argomenti, personaggi. Il contenuto di molte voci e lo spirito dell'opera possono essere sintetizzati nella formula storia e situazione attuale. Ogni argomento viene dapprima tratteggiato nei suoi aspetti storici, poi descritto nelle sue manifestazioni odierne.

TORINO
sta cambiando. Questa è la sensazione diffusa, questi sono i discorsi che si ascoltano, questa è la sfida e l'impegno delle istituzioni. Non è la normale evoluzione, attinente ai rapidi e continui mutamenti economici e tecnologici che caratterizzano la nostra epoca. E' il destino stesso della città che sembra giunto a una svolta: da luogo dell'industria, della meccanica, dell'automobile, da città a dimensione tipicamente nazionale, Torino si sta trasformando in qualcosa di diverso, in una realtà nuova, ancora magmatica, non ancora ben definita, ma ispirata e attenta alle suggestioni e alle sollecitazioni di un mondo sempre più globale e globalizzato.
La trasformazione di Torino si manifesta nel momento della peraltro faticosa costruzione dell'ideale di comune patria europea. Questo evento epocale costituisce straordinaria opportunità di sviluppo verso un futuro che è sempre meno rivolto al particolare e sempre più aperto al mondo.
Di fronte a questo scenario in evoluzione, le reazioni sono varie, non solo fra persone diverse, ma anche nell'animo di ciascuno. Da una parte, si apre, ed è già visibile, la prospettiva della città postindustriale, meno inquinata, verde di giardini impiantati al posto delle fabbriche, vivace e animata, arricchita dal contributo culturale di una popolazione multietnica; dall'altra, la preoccupazione per un futuro economico incerto genera la nostalgia dell'antico ordine sabaudo-militare-aziendale e della "torinesità" che rischia di smarrirsi.
Fedeltà alle tradizioni del passato e spirito di rinnovamento non sono in contraddizione. Anzi, è vero il contrario: solo chi possiede solide radici può rinnovarsi senza sbandare, può trovare energie per esplorare nuove strade. Torino ha già vissuto situazioni simili: nell'Ottocento, per esempio, quando dalla perdita del rango di capitale germogliò la nuova vocazione industriale. Le fondamenta della sua storia sono solide e molteplici: basti pensare alla tradizione tecnologica, operaia e artigiana, alla coesione sociale, al livello di cultura civica, al tradizionale impegno dei suoi cittadini nella politica e nel volontariato.
Uno strumento indispensabile per affrontare con serenità i cambiamenti che i torinesi posseggono in larga misura è il senso dell'identità, la coscienza dell'appartenenza. Ci sembra importante che chi vive a Torino , al di là della sua origine, si senta da un lato cittadino del mondo, ma dall'altro anche profondamente torinese: cioè vicino e affezionato allo spirito della città.
Il senso di appartenenza è strettamente legato alla conoscenza e deve essere da essa alimentato. Per amare una città bisogna conoscerla: Torino è così ricca di storia, di arte, di pensiero che pochi torinesi sono consapevoli appieno della sua reale grandezza, anche per la nota tendenza subalpina a minimizzare le proprie qualità.
Abbiamo pensato che valesse la pena impegnarci a fondo per creare un'opera che assommasse in sè tutto quanto è utile e piacevole sapere della città, della sua storia, della sua cultura, delle sue curiosità, dei personaggi che l'hanno fatta vivere.
Il nostro intento è stato quello di scoprire e riscoprire la città, convincere che Torino è bella e che è gradevole viverci, che è una città che merita di essere visitata non solo da chi viene da fuori ma anche, con spirito nuovo, dai suoi cittadini, che è un laboratorio sociale a cui dare un contributo fattivo.
Se con questa pubblicazione saremo riusciti a convincere qualche scettico avremo raggiunto il nostro scopo e, con Marcel Proust, potremo dire che "... il vero viaggio della scoperta non consiste nel cercare nuovi paesaggi, ma nell'avere nuovi occhi".
INDICE GENERALE DELLE VOCI

Parte prima - Grandi temi

GEOGRAFIA
Geografia fisica e geologica
Clima
Fiumi
Popolazioni
Collina
Cintura

STORIA
Antichità e medioevo
Età moderna
Ottocento
Novecento


LINGUA E LETTERATURA
Lingua
Letteratura
Letteratura in piemontese
Torino nella letteratura

STORIA URBANA
Archeologia
Sviluppo urbano
Piazze
Strade
Parchi e giardini


ARTE
Pittura e scultura
Stampe e incisioni
Arti applicate
Musei d'arte e storia

MUSICA E SPETTACOLO
Musica
Teatro
Cinema
Radio
Televisione


ARCHITETTURA
Architettura
Residenze sabaude

SCIENZE E TECNICA
Scienze
Tecnica
Trasporti


ECONOMIA
Economia
Lavoro
Agricoltura
Industria
Commercio
Banche
Assicurazioni
Turismo


Parte seconda - Fatti, personaggi, curiosità

[..]


FONTI DELL'APPARATO ICONOGRAFICO

GUIDA ALLA LETTURA



aa.vv.

TORINO IL GRANDE LIBRO DELLA CITTĄ

editore CAPRICORNO
edizione 2004
pagine 1032
formato 21x27
cartonato
tempo medio evasione ordine
2 giorni

25.00 €
19 €

ISBN : 88-7707-034-X
EAN :

©1999-2018 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com