motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
LA REPUBBLICA DI TORRIGLIA
Il partigiano Marzo e i compagni della Cichero
La Repubblica di Torriglia è forse il testo più rappresentativo sulla Resistenza in Liguria. L'autore, attraverso il tratteggio degli umili ma forti protagonisti, racconta la storia della "zona libera" che le forze partigiane riuscirono a creare progressivamente, dopo la formazione delle prime bande nel settembre del 1943, fino a coinvolgere una vasta area compresa tra i fiumi Trebbia e Aveto che, partendo dal Passo della Scoffera, giungeva fino alle vicinanze di Bobbio, comprendendo importanti località fra cui, appunto, Torriglia. Il sogno della Repubblica, con i partigiani a gestirne, tramite un comando unificato, l'amministrazione, la giustizia, il fisco, le scuole... finì nell'inverno del 1944, sotto i colpi dei rastrellamenti da parte di preponderanti forze nazifasciste.

PRESENTAZIONE

Quando mi è stato chiesto dagli editori Fratelli Frilli quale fosse il libro ligure più rappresentativo della Resistenza da ripubblicare in occasione del 64° anniversario della Liberazione, non ho avuto esitazioni.
La Repubblica di Torriglia di Marzo, nome di battaglia di Giovanni Battista Canepa, non è un saggio di storia, neppure un'autobiografia.
Nei racconti degli umili e forti protagonisti della vicenda partigiana, Marzo delinea la ricchezza di singole storie umane che diventano epopea popolare.
Marzo era stato giornalista nella redazione de "Il Lavoro", era divenuto scrittore in Francia e in Spagna; dopo il 1945 si inventò grande cronista sportivo de "l'Unità" al seguito del Giro ciclistico d'Italia. Fondò un giornale di battaglia culturale a Milazzo.
Però amava soprattutto La Repubblica di Torriglia, quel libro di racconti che, nella struttura e nella descrizione delle emozioni, anticipa i capolavori di scrittori come Luis Sepùlveda.
È utile aggiungere al testo di Marzo la testimonianza di Maria Vitiello, per 63 anni la compagna di vita di Giovanni Battista Canepa, che racconta in modo spontaneo i sogni, le sofferenze, le speranze, le amarezze di una esistenza dedicata ai grandi valori ideali, espressi mirabilmente nell'ode epigrafe dettata dal comandante partigiano Gregori (Giorgio Gibelli)

Giotto
(Giordano Bruschi)
INDICE

Presentazione
Prefazione

CAPITOLO PRIMO
La croce di Sant'Uberto
Severino
L'avventura di Peigullo
Il massacro della Benedicta

CAPITOLO SECONDO
Il diploma di Giuàn
La mucca di Miro...
La questua di Alfonso
Pascolini Otello
Chi era Battista
Agudo, il principe di Casagrande
La rappresaglia

CAPITOLO TERZO
La banda di Virgola
La battaglia del Pertuso
L'avventura del commissario
Un anniversario

CAPITOLO QUARTO
Attilio
La gamba di Genny
I pansotti del parroco
Una frittata all'Oliveta
Il parroco dei partigiani

CAPITOLO QUINTO
Cucciolo
Uno scambio di prigionieri
Fiodor medaglia d'oro
Il maresciallo della marina tedesca

LA LIBERAZIONE DI GENOVA

Conclusione

Giovanni Battista Canepa nei ricordi della moglie, Maria Vitiello

A Maria




Giovanni Battista Canepa

LA REPUBBLICA DI TORRIGLIA

editore FRILLI EDITORI
edizione 2009
pagine 168
formato 12x19
brossura
tempo medio evasione ordine
ESAURITO

4.90 €
4.90 €

ISBN : 978-88-7563-490-2
EAN : 9788875634902

 
©1999-2020 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com