motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
IL POPOLO DELLE ROCCE
Vita, vicende e vicissitudini in un villaggio di alta montagna
Salire a Balme è un po' come fare un viaggio nel tempo. Non molto è cambiato da quando gli alpinisti arrivavano all'Hotel Camussòt a piedi, a dorso di mulo o in portantina. Non è cambiato l'ambiente e non sono cambiati neppure i Balmesi. Oggi sono meno di cento, tutti discendenti di un unico avo, quel Gian Castagnero che nel '500 venne a sfruttare le miniere di ferro, personaggio rimasto nella leggenda, che fondò la parrocchia e il comune e costruì la tenebrosa casa fortificata del Routchàss.
Ma poi le miniere si esaurirono e la piccola comunità sopravvisse grazie a un faticoso e pericoloso commercio con la Savoia. In estate e in inverno i Balmesi attraversavano valichi glaciali a oltre tremila metri di quota recando sulle spalle pesanti carichi di riso e di sale, di caffè e di tabacco. Grazie a questa confidenza con l'alta montagna, i Balmesi furono tra i primi a trasformarsi in provette guide alpine quando iniziò la grande stagione dell'alpinismo, nella seconda metà dell'Ottocento. Per circa un secolo più di cento furono le guide alpine di Balme che accompagnarono gli alpinisti torinesi nell'esplorazione delle Alpi Occidentali.
Di questa grande epopea rimane un ricordo profondo, fatto non soltanto di memorie e di cimeli raccolti nel Museo delle Guide, ma soprattutto in un patrimonio di scritti, di racconti e di testimonianze tramandate all'interno delle famiglie e della comunità.

Le montagne di Balme non sono quelle di Heidi.
Nelle alte Valli di Lanzo, l'inverno dura otto mesi, la neve giunge talora a oscurare le finestre, i cereali non arrivano a maturazione. In passato persino il foraggio per gli animali era strappato con grandi fatiche alle pareti di roccia che incombono sul villaggio. In questo mondo di pietra e di ghiaccio, una piccola comunità è riuscita i sopravvivere per secoli con le scarse risorse di una valle selvaggiamente bella ma inospitale e persino ostile, fino ai limiti delle possibilità d'insediamento umano.

Le rocce hanno sempre esercitato sui Balmesi un fascino e un vincolo atavico. Per questa ragione sì è tramandato da una generazione all'altra un bagaglio di conoscenze, di esperienze, di vicissitudini, insieme a un patrimonio di lingua, di costumi. di musica, di danza. Una cultura semplice ma non povera, chiusa ma non isolata, frutto di una comunità che fu sempre l'estremo presidio umano lungo la via che conduce ai ghiacciai. Percorsa per secoli, prima che arrivassero gli alpinisti, da mercanti e da pellegrini, da soldati e da avventurieri, da predoni Saraceni e da carbonai bergamaschi.
INDICE

Luci e ombre delle grandi pareti
Gente di città e gente di montagna Montanari in città
Cittadini in montagna
Arcivescovi e conti
Una salita al Rocciamelone
Le avventure del conte di St. Robert
Dalla conquista della Ciamarella alla tragedia del Monte Bianco
Guide alpine di padre in figlio
Alpinisti e locande
Guide alpine e osterie
Un mestiere che rende poco
Quei temerari sulla vetta
Guide e soldati
Partire militare
Veterani di Balme
La milizia della montagna
Morte di una guida
La misteriosa scomparsa del maresciallo
La fine di un parroco
La tragedia della Torre d'Ovarda
La croce di Testa d'mort
Tempo di neve, storie di valanghe
Quando la ruota non esisteva
L'arte di camminare sul ghiaccio
Gli sci a Balme nel 1896
Incisioni sulle rocce tra preistoria e storie di pastori
Il canalone del Ru
La parete della Valanga Nera
Uomini e stambecchi
La convivenza con il bestiame
La società di stalla
La roba
Nozze di ieri e di oggi
La berna
Illazioni su un quadro e su un vecchio album di foto
La courenda dei sette salti
Le màiess dou bort
Quando le masche ballavano al Pian della Mussa




Giorgio Inaudi

IL POPOLO DELLE ROCCE

editore IL PUNTO - PIEMONTE IN BANCARELLA
edizione 2007
pagine 288
formato 13x21
brossura con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

14.50 €
10 €

ISBN : 978-88-8855-240-8
EAN : 9788888552408

 
©1999-2018 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com