motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
PER UN PEZZO DI PATRIA
La mia vita negli anni del fascismo e delle leggi razziali
Come scrive Gian Carlo Jocteau nella sua introduzione, le memorie di Massimo Ottolenghi abbracciano «i primi trent'anni di una vita lunga e operosa». Anni decisivi, per la crescita personale, per la formazione intellettuale e politica, per i destini d'Italia.
La giovinezza di grandi fermenti, gomito a gomito con la generazione delle passioni civili - quando nei licei di Torino si incontravano professori quali Augusto Monti e Massimo Mila e compagni come Emanuele Artom e Oreste Pajetta - si confronta con la borghesia illuminata guidata da Luigi Einaudi, con la famiglia mista ebrea e cattolica, laica e rigorosa, con un diffuso anelito al progresso e alla conoscenza, ma anche con la progressiva avanzata del fascismo. «L'imperdonabile colpa di essere ebrei», tra smarrimento e vita civile di studio e lavoro, la guerra e la clandestinità, l'avventura di Giustizia e Libertà, naturale prosecuzione delle passioni giovanili, portata avanti con impegno durante la Resistenza, tra Torino e le Valli di Lanzo: il racconto di una vita si fonde con la storia collettiva, i protagonisti della lotta di liberazione sfilano nella precisa ricostruzione di fatti, ambienti e personaggi. Memoria personale che si incastona nelle vicende pubbliche del Paese, il resoconto di Massimo Ottolenghi percorre un'epoca intensa con sguardo cosciente e partecipe.


Trent'anni di vita

Per un pezzo di patria appartiene al filone della memorialistica e dell'autobiografia, ma si dipana attraverso molteplici registri, che accanto alla dúnensione storica palesano una felice vena letteraria. L'autore non è nuovo a esperienze narrative, e nell'ultimo quindicennio si è misurato più volte con i nodi del ricordo e della memoria, con sensibilità viva e scrittura nitida. Ora affronta l'impresa, ardua ma a mio avviso felicemente compiuta, di dare alle sue pagine l'ampio respiro di una storia personale intrecciata e fusa con un contesto che trascende la dimensione individuale, per attingere alla sfera dei destini collettivi.
Il libro attraversa infanzia, adolescenza e giovinezza, e si conclude con il 1946, quando Massimo Ottolenghi ha da poco raggiunto i trent'anni. È il percorso di una sorta di educazione all'età adulta e alla maturità, che trova compimento nel periodo cruciale 1936-1946 (dalle prime gravi insorgenze di antisemitismo alla vigilia dell'Italia repubblicana), sulla soglia di un «ritorno alla realtà» che lascia scorgere impegni, incertezze e delusioni.
Sotto l'aspetto propriamente storico, si tratta di una testimonianza che ci restituisce, in luoghi e tempi diversi, fatti, ambienti, relazioni e personaggi in una luce vivida, attraverso una memoria nutrita di ricordi puntuali e di consapevolezza critica.
Le pagine sull'infanzia e l'adolescenza sono una tranche de vie di un ambiente borghese colto e di una famiglia ebrea, nelle ultime generazioni laica e pienamente assimilata: un prozio Giuseppe, primo ebreo divenuto generale, era stato istruttore di Vittorio Emanuele III e ministro della Guerra nel governo Zanardelli. Il ricordo della malattia vissuta da bambino e dei luminari al suo capezzale; la figura riservata e austera del padre, docente a Giurisprudenza, di cui s'intravedono illustri colleghi; i personaggi e i luoghi dell'infanzia: le dimore e le frequentazioni torinesi e collinari, l'amatissima «maman», la nonna nata nel ghetto [..]

INDICE

Trent'anni di vita di Gian Carlo Jocteau

I Le finestre della memoria. Infanzia torinese
II Il Pilonetto «terra promessa»
III L'antifascismo torinese
IV Incontri con il futuro
V Gli allievi della sezione A
VI Oscuri presagi. Viaggio in Austria
VII L'imperdonabile colpa di essere ebrei
VIII Lo scoppio della guerra e l'entrata in clandestinità
IX «Insorgere per risorgere»
X L'apocalisse del 1944. La repressione tedesca e le divisioni tra partigiani
XI La liberazione di Torino e la «rivoluzione democratica»
XII Liberi e sconfitti

Documenti
Note biografiche
Fotografie
Ringraziamenti




Massimo Ottolenghi

PER UN PEZZO DI PATRIA

editore BLU Edizioni
edizione 2009
pagine 190
formato 17x24
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
4 giorni

16.00 €
16.00 €

ISBN : 978-88-7904-084-6
EAN : 9788879040846

 
©1999-2020 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com