motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
IL PARTIGIANO DISARMATO 

DEDICA

Ho letto d'un fiato il diario raccontato da Giuseppe Calore della sua vita di partigiano e di deportato politico. Un racconto fatto a distanza di ben 57 anni all'accadere delle vicende, avvalendosi, per i ricordi, soltanto di minuscoli brandelli di carta, sui quali - come annota Demetrio Paolin, l'appassionato ed intelligente curatore di questa memoria - il partigiano disarmato Giuseppe Calore aveva steso, alla liberazione, i nomi dei compagni scomparsi nel gorgo del campo di sterminio.
Che cosa mi ha tenuto sveglio, con gli occhi fissi alla pagina, sino all'ultima riga del diario?
La vicenda complessiva di un uomo che, nel momento stesso in cui era impegnato a sabotare le linee ferroviarie usate dai tedeschi o a procurarsi esplosivo per farlo, si impegnava senza soluzione di continuità, anche a salvare la vita dei compagni di lotta, a sanare le loro ferite; di una vita che, nel momento stesso in cui era impegnata a difendere la sua dignità lacerata e le sue briciole di sopravvivenza, nel quadro dell'annientamento sistematico del campo di Mauthausen, si impegnava a salvare altre vite, a sanare altre ferite, in un continuo di coerenza morale e di solidarietà che costituì sempre la vera, intima sostanza, la più profonda umanità di Giuseppe Calore.
E' rilevante il modo con cui Calore si accosta ai fatti, è sorprendente come li possieda e come li riviva, a distanza di tanti anni, senza titubanze, con immediatezza, pensando, ancora oggi, nella rievocazione, i medesimi pensieri che nel tempo dell'accadimento dei fatti li accompagnarono.
Ho provato, leggendo il diario di Calore, ciò che provai leggendo Da Quarto a Volturno, il diario, steso da Cesare Abba, dopo un numero infinito di anni, delle vicende sue e dei suoi compagni a Calatafini, a Marsala in Sicilia.
Un diario del tutto lontano dalla quotidianità, impregnato di indelebili ricordi di vita, pieno di ricordi del cuore, di sogni, forse di delusioni.
Ecco la freschezza, quindi, l'immediatezza del diario postumo di Giuseppe Calore, che a 57 anni di distanza ripensa ai suoi pensieri. Il diario esce dall'angustia del quotidiano e diventa sostanza di una pagina storica.
Una memoria alla quale il tempo, il tanto tempo trascorso, aggiunge il valore della elaborazione, sino a renderla, essa stessa, opera di pensiero.
E' questo, ancora e sempre questo, ciò di cui tutti continuiamo ad avere bisogno e che Giuseppe Calore ci ha lasciato.

Gianfranco Maris


Siamo consapevoli che innumerevoli uomini e donne con slancio, convinzione e sacrificio sono insorti ala pari di Calore contro i fascisti e i tedeschi dopo l'8 settembre, data fatidica della Rinascita della Patria. Ci Auguriamo che altri come noi scrivano pregnanti biografie di resistenti per ampliare la conoscenza di quei tempi e trasmettere alle famiglie un positivo documento.
La nostra scelta è tuttavia caduta su Giuseppe Calore, per la sua grave età, perché non ha lasciato altri scritti di memoria e per l'ininterrotta amicizia, nata nel Lager (44/45) durata fino alla sua recentissima scomparsa, avendo sempre ammirato il coraggio, la fermezza e l'altruismo.

(dalla prefazionbe di Bruno Vasari)





Giuseppe Calore

IL PARTIGIANO DISARMATO

editore DELL'ORSO
edizione 2003
pagine 108
formato 15x21
brossura
tempo medio evasione ordine
2 giorni

12.00 €
12.00 €

ISBN : 88-7694-680-2
EAN :

©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com