motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
PARFUM ËD PIAMONT
Poesìe e pròse an lenga piemontèisa
PREFAZIONE

La sorgente dello scrivere di Fabrizio Livio Pignatelli scaturisce dalle coordinate geografiche e affettive del suo paese. Il luogo reale, Frossasco, antico insediamento negli anviron di Pinerolo lungo il corso del Noce, e il posto dei sogni, dell'infanzia masnà nutrita delle tante vite e voci sedimentate nello scorrere lento di secoli e generazioni e stagioni.
I versi e i racconti di queste pagine rispondono al bisogno dël cheur di fissare una memoria, di afferrare un profumo, 'l parfum ëd Piamont (così si dice Piemont nella parlata piemontese di quelle parti: e come non pensare al Pi-a-mont ëd Barba Tòni Bodrìe?) , di arrestare almeno per un po' l'inesorabile oblio dei giorni e delle cose. "Ven sì! Ven si, tacà a mi masnà / .../ veul contete / Un pòch dij sò car mond, da dla dël temp / quand che le fior a tapissavo ij prà / e le giornà 'd travaj, creuse `nt ij camp / a savìo d'orgheuj, e lus ëd rosà" (Albe e Tramont).
Parole come argine alla dësmentia, alla smemoratezza, alla corsa verso un nulla che cancella la nostra terra, con i suoi nomi, il suo lessico, i suoi gesti, i suoi riti, i suoi dolori, le sue fatiche, trasmutandola in terra di nessuno. C'è qualcosa di forte nelle vicende di una comunità, di così profondo che i nostri se lo sono portati dentro perfino 'n Merica! E alla nostra gente piemontèisa "ch'a l'han dovù porté sò cheur lontan da soe radis" è dedicata la poesia che dà il titolo alla raccolta (a Frossasco c'è il Museo Regionale dell'Emigrazione dei Piemontesi nel Mondo): "Tut sossì i son portam-lo 'n Merica! / Fòrse, arcòrd, amor e sta parlada. I Parlada famija... I ch'a dasìa fòrsa 'me na bela obada. I E peui ij seugn, le speranse, ij timor / tut i l'onta carià an sël bastiment / Dcò ij magon e ij creus dij dolor e le montagne,'l cel, ij sentiment. / E quand da la Pampa, doe pcite lerme signavo dur ij nòst sagrin an front / Con j'euj sarà e le ànime torme sentìo ij parfum, ij parfum ëd Piamont!".
Parole come profumo, parole come lascito antico d'affetti dove la geografia dei luoghi perduti (perduti per chi ha dovuto emigrare, ma anche per noi qui e adesso, che li abbiamo disertati e traditi) s'intreccia con la religione del tempo, delle generazioni silenti che han camminato queste strade, lavorato questi campi, ci han fatto quel che siamo, o dovremmo essere.
Se è vero che la poesia appartiene ad un lessico alto, di un altrove scarnificato e sublime, tuttavia anche nelle parole più quotidiane possiamo trovare essenze rare, e il sentimento di un singolo può diventare ricordo corale, qualcosa che appartiene a tutti. Così se il volto di un paese, di un posto, è nel profilo della sua architettura, nello snodarsi e riannodarsi di facciate, piazze, prati, nell'intrecciarsi geometrico di contrade e sentieri, l'anima della sua gente è nei frammenti dei nomi, nelle parole che ne declinano opere e giorni. C'è un lessico, soprattutto nei racconti di Fabrizio Livio Pignatelli, che da solo vale un racconto, un percorso di identità, un brandello di storia: l'anada cassinòira, mëssagranda, anciové, "fomne giù da la pajassa a-i é l'anciovàire 'n piassa!", bate 'l gran, ambaladòira, trebiatriss, dëspané la melia, bërtavelica, erta pastòira, migne e taboj, buata, amson, fintèt, gnèro, marajòt, gognin, ravagi, tossa d'eva, ciaboté, gabasse, molle, miarin, rësca, andan-a forëstera, leja, gìngia, ëschèrboj, gorbin-e, baragne, babi ramì... Parole che rivendicano il diritto al ricordo, alla nostalgia per quel che resta dei giorni andati.
Relitti, forse, di un tempo perduto. Parole sommerse e salvate per la nostra memoria collettiva, prima che scenda il silenzio. E questo è comunque poesia.

ALBINA MALERBA
TÀULA

Grafia della lingua piemontese
Prefazione di Albina Malerba

PRIMA PART
POESÌE
Parfum ëd Piamont...
Albe e Tramont
La lun-a 'nt ël poss
L'orgheuj dij ciaboté...
Na giornà da partigian...
Meuire 'nt un arcòrd
Pensé, iv vëddo luse...
Con ël cheur da "Vej Fintèt"
A la rol ëd Pilon Varin
Nènia d'Amor
Quand ch'a-i era 'l casel 30
Cola vòta ai Pòrti Vej...
Muraje d'antan
La panca 'd nòsta leja...
La Cros ëd montagna
L'eva ciàira
Con Ti për man...
Për un soris
Scotand j'arson lontan
An col canton...
Un basin ëd lun-a
Con jë scarpon dà montagna...
Sle faude 'd n'emossion
Stèile dla neuit
Mè pogieul
Le frise dij respir...
Ij faseuj dël panaté
Tra ij son ëd na ghironda
Un seugn ëd prim oteugn
A pieuv...
Ël musicant ëd via Pò
Ij Babi Ramì (persi cheuit con la cicolata)
Come 'n feramiù...
E peui... Na carëssa 'd sol!
Feuje patanùe
Ël mulin a vent
La bela mariòira
La fàula dle Mobliepà
Ij fojòt ëd Maregranda
Amis, ch'it j'ere an prima fila
Ël cioché 'd Frussasch
Scaràmpole 'd lus-ambrun-e
Lesera d'invern

PART ËSCONDA
PRÒSE
Ancheuj batoma ël gran!
Le `baricie"d Barba Tomalin, l'anciové
Ij mascheugn ant leva dël poss!
Tòta Bina, la Maestrin-a 'd San Martin
Na sèira a dëspané melia
Prima d'andé a Mëssagranda
Quand che le randolin-e a 'mnavo la bértavelica!
Al temp che baudëtté a l'era un mësté
Ij cocon, giojere dle famije piemontèise
Na vira 'nt la cusin-a d'un temp
Ant le giornà d'invern...

TERSA PART
'POESÌE E FÀULE NATALÌSSIE
Mesaneuit ëd Natal, an Val Nos
Ij chërvass pien ëd vent
Un bel presepi!
Sèira 'd Natal
A son-o le pive...
Natal pòver...
La fàula dla buata ch'a lusìa...
La fàula 'd Vigiòta e Flipòt, panaté...




Fabrizio Livio Pignatelli

PARFUM ?D PIAMONT

editore ALZANI
edizione 2012
pagine 160
formato 16,5x24
brossura
tempo medio evasione ordine
2 giorni

15.00 €
15.00 €

ISBN : 978-88-8170-452-1
EAN : 9788881704521

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com