motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
MASCHE
Tra Langhe e Monferrato
Stefano Drago indaga
In un piccolo paese del Piemonte meridionale, tra Langhe e Monferrato, vengono ritrovati i corpi di due vecchie sorelle gemelle, brutalmente uccise.
Il caso presenta aspetti anomali e misteriosi. L'inchiesta viene affidata a un agente del Dipartimento Indagini Paranormali, Stefano Drago. Il lato oscuro di una realtà ancorata ai retaggi di una civiltà contadina che ha tramandato oralmente miti ancestrali e credenze popolari, invaderà la sua vita e quella dei fun-zionari che lo seguono nella complessa indagine, in un crescendo di paura e fatti poco spiegabili, che si conclude in modo terribile e ambiguo.
PROLOGO

Solstizio d'Inverno.
Il Mondo è un Teatro; vieni vedi e te ne vai.
(Matt. Claudius)

Si raccontava che la scoperta avvenne a naso, al pari dei segugi. Prima dell'orrore, dello sgomento, della sorpresa e delle urla di raccapriccio, ci fu l'odore.
Non era puzzo di decomposizione, sebbene si potesse ricollegare alla morte. Non alla morte di un essere umano, però. Quando davanti alla cascina del misfatto era passato il macellaio del paese, Dino, quest'ultimo non ci aveva fatto caso: in parte perché la mattina del 23 dicembre faceva un freddo gelido che ghiacciava letteralmente la punta del naso e i padiglioni delle orecchie e quindi, con la sua vecchia bicicletta percorreva le strade imbiancate dalla brina alla massima velocità, ma soprattutto perché il macellaio a quell'odore non faceva più caso da anni e anni; ormai il suo olfatto era assuefatto al particolare effluvio.
Ad essere attirato fu il secondo passante della mattinata, l'intirizzito proprietario del bar del paese. In sella al suo sferragliante sidecar, la testa incassata fra le spalle e la spessa sciarpa avvolta attorno al volto. L'avvertì quasi distrattamente: appena una zaffata proveniente da una delle finestre, fugace ma intensa. Lo stesso odore che si spargeva nell'aria quando sventravano una lepre. L'olezzo pesante e nauseabondo delle interiora, che afferrava le nari e scivolava giù, attraverso la gola, chiudendola, e poi nello stomaco, come una presenza malata e disturbante. Naturalmente curioso, il motociclista fermò il mezzo sul ciglio della strada e annusò ancora l'aria, voltandosi verso le mura grigiastre dell'isolata cascina. Il puzzo, ora era indiscutibilmente intenso, più di quanto avesse percepito al primo sentore. Inizialmente pensò che nel cortile stessero svuotando un coniglio per il ceno-ne di Natale ma una sola bestia, per giunta di ridotte dimensioni, come poteva emanare tutta quella puzza? Il più delle volte, tra l'altro, quel che non si usava degli organi interni, era sotterrato, oppure aggiunto al pastone dei maiali. Il motociclista concluse che era troppo. Forse qualcosa era andato a male, forse qualcosa non andava come doveva e magari le gemelle Marchisio avevano bisogno di una mano. Concluse che i beoni della prima mattina potevano aspettare. Rimise il sidecar in moto e passò sotto le finestre serrate strombazzando un paio di volte e infilandosi infine sotto il voltone. Sbucò nel cortile interno e si fermò nel mezzo. Stretto fra le mura della cascina, il puzzo stagnava più opprimentemente e regnava, inoltre, il silenzio più assoluto: nessuno starnazzare di pollame, nessun abbaiare chiassoso. Soltanto il cielo pallido, plumbeo, con l'orizzonte nebbioso che nascondeva alla vista monti e colline e il freddo, che rendeva le guance rosse come ciliegie. Dopo essersi guardato intorno, il motociclista si schiarì la voce con un grugnito catarroso e ad alta voce provò a chiamare: "Madame? Madame?" il richiamo si spense nel silenzio imperante, rendendo lo scenario ancora più desolato. Ijuomo si sentì improvvisamente sciocco come un ubriaco che parla a una lampada. Magari dormivano ancora ma a quell'ora, da quelle parti, erano tutti svegli, pronti per andare al lavoro. Le due gemelle che abitavano la cascina erano piuttosto vecchie anche se coriacee. L'età poteva aver loro giocato qualche brutto scherzo.
[..]




Fabrizio Borgio

MASCHE tra Langhe e Monferrato

editore FRILLI EDITORI
edizione 2011
pagine 154
formato 12x19
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

9.80 €
9.80 €

ISBN : 978-88-7563-662-3
EAN : 9788875636623

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com