motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
LA SARTA
Torino, 1942
La storia prende lo spunto da un fatto di cronaca avvenuto nel centro storico di Torino nell'inverno del 1942.

A innescarla è la morte di un'anziana sarta: suicidio o omicidio? Incaricato dell'indagine, il commissario Mercatalli che non è del tutto estraneo alla vicenda. Palcoscenico del racconto è un negozio di stoffe e confezioni dove si svolge il contrastato incontro fra Samuele Cohen, anziano commerciante ebreo, ritenuto colpevole della morte della sarta, e Oreste, giovane fascista scansafatiche, sciupafemmine, figlio della morta. Fra i due s'innesca uno scontro causato dalle leggi razziali del '38. La dolce Myriam, figlia del negoziante, sospetta che il padre sia al centro di un complotto architettato da Oreste e dalla sua amante.

La trama s'infittisce e s'incrocia con gli sviluppi dell'amicizia di due ragazzini di undici anni, Fabio e Giorgio, che allevano colombi viaggiatori nella soffitta di casa, entrambi custodi di un segreto.

Come e perché le due vicende s'intrecciano con l'indagine del commissario? Di certo, da queste storie che s'intersecano, emergerà un'unica sorprendente verità.
[dall'Introduzione]

Lo squillo del campanello rigò l'aria grigia della stanza. Il ritmo sincopato della macchina da cucire si interruppe. Gemma, la sarta, si alzò, ripulì il vestito con la spazzola, nell'aria, oltre i fili da imbastire, volteggiarono alcune piume grigie, con la mano a conchetta rinforzò lo chignon che le teneva i capelli raccolti sulla nuca. Coprì con un foglio di giornale il recipiente appoggiato sulla prolunga in legno della Singer. Attraversò la stanza dalla cui finestra si vedevano i tetti di Torino. Aggirò il letto ancora disfatto, gettò un occhio in cucina, lo squillo del campanello tornò a scuotere l'aria, la donna ebbe un timido gesto di insofferenza, si diresse alla porta. L'aprì. Sgranò gli occhi, scosse il capo, prese ad arretrare, le mani tese in avanti, con voce strozzata disse: "Ti prego non farlo". Come risucchiata dalla paura, sempre camminando all'indietro e facendo di no con la testa, urtò lo spigolo della macchina da cucire, il foglio di giornale scivolò di lato e scoprì il contenuto del recipiente...

[..]




Roberto Gandus

LA SARTA

editore FRILLI EDITORI
edizione 2015
pagine 156
formato 14x20
cartonato con sovraccoperta a colori
tempo medio evasione ordine
2 giorni

6.90 €
6.90 €

ISBN : 978-88-6943-071-8
EAN : 9788869430718

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com