motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte
LA GUERRA DI KIRA
la resistenza civile nei giorni della liberazione partigiana dal Canavese
I ricordi di una giovane donna, degli anni drammatici della Resistenza.
Il desiderio di una vita "normale", spensierata, in una quotidianità così violentemente "anormale". L'eroismo di chi "eroica" non si sente.
Il coraggio di chi "coraggiosa" non pensa di essere. Il desiderio di pace e di giustizia, e anche un po' l'avventatezza e l'incoscienza della giovinezza.

E voi imparate che occorre vedere
e non guardare in aria; occorre agire e non parlare. Questo mostro stava, una volta, per governare il inondo!
I popoli lo spensero, ma ora non cantiamo vittoria troppo presto: il grembo da cui nacque è ancora fecondo.

Bertold Brecht - 1941
(La resistibile ascesa di Arturo Ui)


Quand' ero ragazzina, mia madre prese l'abitudine di raccontarmi gli episodi da lei
vissuti in prima persona durante la Resistenza. Negli anni Settanta, vedendo il nostro impegno politico-sociale di ventenni
spontanei e pieni di ideali, decise di mettere per iscritto alcuni di questi episodi, su un grande quaderno che mi regalò.
Forse riconosceva in noi giovani alcune
di quelle motivazioni che avevano guidato quell'epoca lontana della sua giovinezza.
Mia madre è stata per me la memoria storica di una vicenda mondiale che non ho vissuto, ma che tramite lei non ho mai potuto dimenticare, come se vi avessi partecipato. Finora era rimasta una cosa personale.
Ma ora penso che questi racconti possano essere di aiuto alla comprensione, così semplicemente per quello che sono, anche ad altre generazioni che hanno letto soltanto sui libri di testo quei fatti così importanti per la nostra democrazia. Per questo motivo, da privata e privilegiata memoria tra una madre e una figlia, dalla sfera strettamente famigliare, ho ritenuto
di rendere pubblico quel quaderno così caro. E mi sembra anche un modo per ricordarla ed esserle riconoscente, a sei anni
dalla sua morte.

Laura Doglione

PREFAZIONE

Ci possono essere diversi modi di leggere questa memoria, tutti utili e interessanti. Il primo, il più immediato, è lasciarsi guidare dall'autrice in una narrazione volutamente episodica, ancorata all'esperienza, e affidarsi al piacere dei racconti brevi e intensi, costruiti con una genuina capacità di creare suspense: Di fronte alla morte, L'imboscata, Ratulin, Caccia all'uomo, gli episodi della difesa del ponte di Conio, della presunta spia, dei vari salvataggi coinvolgono il lettore, rivelando doti di affabulazione native. La scrittura di Bianca Ballesio, del resto, è nata dal gusto di narrare, riservato inizialmente alla figlia, poi riversato sulla carta, negli anni Settanta, ancora per lei ma anche per i ventenni come lei, idealisti e impegnati.
Alla stessa data la memorialistica della Resistenza registra un infittirsi di scritture femminili, che dichiarano tutte questo sentimento di dover trasmettere la memoria: la loro fioritura corrisponde all'apertura politica del mondo giovanile, al suo rivolgersi curioso, interrogativo, talora persino polemico, verso quel passato, come a una premessa da cui non si può prescindere. Nell'"orizzonte d'attesa" delle autrici c'era anche quel pubblico: forse per questo le loro tecniche narrative si somigliano, nel procedere per episodi, nell'evitare la retorica e l'erudizione, nel cercare di restituire una "verità" di cui si è state testimoni, senza protagonismi.
[..]
INDICE

Prefazione di Ersilia Alessandrone Perona
Introduzione di Laura Doglione

1. Un'anonima canavesana. Uno squarcio dal passato
2. Come li ho visti io...
3. Gli ideali e le calze
4. L'asso dei prelevamenti
5. Di fronte alla morte
6. I partigiani ed io
7. L'imboscata
8. Ratulin
9. I lanci alleati
10. Radio Londra
11. Il tenente Mario
12. Prepotenti in ridicolo
13. Quanti ricordi...
14. La guerriglia
15. Nicola
16. Io partigiano
17. La battaglia di Ozegna
18. Riflessioni
19. Ricordi sfocati
20. Il sospetto
21. Caccia all'uomo
22. I cecoslovacchi (Sorpresa a Vesignano)
23. Emergenza
24. Un'azione partigiana
25. La legge della rappresaglia
26. Quando il nemico ha un cuore
27. Grazie per mia madre
28. Primavera

Le immagini

Appendice
Note storiche
Cronologia (avvenimenti principali conosciuti e personaggi citati)
Le zone militari del Corpo Volontari della Libertà in Piemonte
Le formazioni e i caduti nella III zona, Canavese e Valli di Lanzo al 25 aprile 1945
Bibliografia
Ringraziamenti




Bianca Ballesio

LA GUERRA DI KIRA

editore ANGOLO MANZONI
edizione 1995
pagine 174
formato 14x22
plastificato con alette
tempo medio evasione ordine
2 giorni

12.90 €
8 €

ISBN : 88-86142-17-X
EAN :

 
©1999-2018 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com