motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autorinotizie2014 Promozioni
Alcune proposte

LA GABIA DEL MERLO & LA VOS DL'ONOR
la gabbia del merlo & la voce dell'onore

PREFAZIONE

Farsa e dramma nel teatro in piemontese di Federico Garelli.


Federico Garelli appartiene a quella gloriosa pattuglia di scrittori di teatro in lingua piemontese che annovera figure eminenti del secondo Ottocento, quali Luigi Pietracqua, Giovanni Zoppis, Mario Leoni, e hanno in Vittorio Bersezio e nel suo Travet la loro stella cometa.
Gli esiti del Travet non sono stati raggiunti da nessun altro scrittore piemontese, ma certo l'importanza dei commediografi che abbiamo citato, non può essere disgiunta da quella dell'attore cuneese Giovanni Toselli, che per quattordici anni ha riempito la sala del Teatro d'Angennes (affittatagli dall'attore francese Meynadier), e colmato quel vuoto culturale lasciato dalla Compagnia Reale Sarda per una mozione del Parlamento Subalpino che, dopo trent'anni, toglieva ogni forma di contributo ai comici del Re.
Il teatro in piemontese si sviluppa e si cementa in parallelo agli avvenimenti storici successivi alla prima guerra di indipendenza, che porteranno allo spostamento della capitale d'Italia da Torino a Firenze prima, poi a Roma. La sua tenuta sulle scene torinesi (quattordici anni di successi incontrastati in una piazza difficile e ambita come Torino non sono poca cosa), in un momento in cui le barriere protezionistiche erano cadute inseguito alla fine della Reale Sarda e il teatro torinese era diventato terra di conquista per attori importanti e mercenari, per maestri della declamazione e ciarlatani saltimbanchi, è da ricercarsi in una solida impostazione ideologica che ha finito per coinvolgere quegli strati della popolazione che erano da sempre esclusi dall'arte drammatica.
Per sua stessa natura e costituzione infatti, la Sarda aveva rappresentato un fenomeno di élite per un pubblico aristrocratico che ruotava intorno alla Corte regia. Erano conti e marchesi, i signorotti della provincia a ritrovarsi al Carignano nelle sere in cui recitavano i comici di S.M.. Occasioni di mondanità, omaggio deferente a casa Savoia, incontri politici, erano le molle che spingevano a recarsi a teatro.
Toselli incrementando la drammaturgia in piemontese, inaugura per Torino una forma di teatro borghese, perchè ora è il bottagaio, l'avvocato, il segretario di cancelleria, il protagonista del nuovo teatro, oppure il militare, la giovane popolana, il, il sensale, e il pubblico nuovo facilmente si identifica con il nuovo eroe che balza prepotentemente sulla scena di questa mutata realtà. [..]

INDICE

Prefazione

La gabbia del merlo - La gabia del merlo

Scena prima
Scena seconda
Scena terza
Scena quarta
Scena quinta
Scena sesta
Scena settima
Scena ottava
Scena
nona
Scena decima
Scena undicesima
Scena dodicesima
Scena tredicesima
Scena quattordicesima
Scena quindicesima
Scena sedicesima
Scena diciassettesima
Scena diciottesima
Scena diciannovesima
Scena ventesima
Scena vigesimaprima
Scena vigesimaseconda
Scena vigesimaterza
Scena vigesimaquarta
Scena vigesimaquinta
Scena vigesimasesta
Scena ultima

La voce dell'onore - La vos dl'onor

Scena prima
Scena seconda
Scena terza
Scena quarta
Scena quinta
Scena sesta
Scena settima
Scena ottava
Scena
nona
Scena decima
Scena undicesima
Scena dodicesima
Scena tredicesima
Scena quattordicesima
Scena quindicesima
Scena sedicesima
Scena diciassettesima
Scena ultima

Nota Biografica

Bibliografia essenziale

Indice






Federico Garelli

LA GABIA DEL MERLO & LA VOS DL'ONOR

editore IL PUNTO - PIEMONTE IN BANCARELLA
edizione 2001
pagine 176
formato 11x17
brossura
tempo medio evasione ordine
2 giorni

6.50 €
6.50 €

ISBN : 88-86425-96-1
EAN :

 
©1999-2019 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com