motore di ricerca
Diventa Fan su Facebook
cataloghi novità - Piemonte - Monferrato - Asticataloghi editorischede autoriservizio segnalazione novità2014 Promozioni
Alcune proposte
I COLORI DEL VIAGGIO

EDIZIONE ITALIANA

Viaggiare per contemplare. Viaggiare per portare a casa, racchiuse in tanti clic, le icone del mondo. Unità oltre ogni varietà. Identità oltre ogni differenza.
Dall'Asia all'Africa, dall'India all'America, l'esigenza di Nino Lorenzato è guardare intensivamente, è scrutare i colori e le forme dell'altrove, accompagnando le sue immagini con qualche testo d'autore.
A cominciare dal primo, quello che comprende tutti gli altri:
"Lassù puoi barattare il vortice della vita con una beatitudine senza confini".

La mia raccolta di immagini non vuole nè spiegare, nè imporre interpretazioni o giudizi. Per me è visione, passaggio d'ombre, nient'altro.

G. Ceronetti

EDIZIONE INGLESE

To travel, to contemplate. To return home with icons of the world immortalised in many clicks.
Unity in spite of variety.
Identity in spite of differences.
From Asia to Africa, from India to America, Nino Lorenzato observes with care and scrutinises the colours and forms of other places.
Quotations by certain authors accompany his images.
Beginnings with the first which embraces all the others.
"There above, you may exchange the whirl of life with boundless bliss".

Le cose viste sono immagini, di cui l'occhio è testimone. Ma la testimonianza è una scelta della memoria e l'immagine è il risultato di una contemplazione, tanto che diventa irresistibile pensare al valore allucinatorio della fotografia perchè - come Bergson pensava del racconto - essa ci rapisce da un mondo "altro" per trasferirci in un "altro" mondo. Da un fotografo, non meno che da un narratore, ci aspettiamo dunque di sentirci dire: "Ecco i frutti del mio altrove".
Per onestà di informazione Nino Lorenzato i suoi altrove li chiama Asia, America, Africa o ulteriormente determinando: Nepal, India (Orissa, Rajastan), Guatemala, Perù, Marocco, Libia. Ma potrebbe non indicarli affatto e non per questo ci priverebbe di qualcosa di essenziale. Il suo viaggio non mira né al resoconto dell'etnologo né al taccuino del turista. Non è un caso, infatti, che ci dica qualcosa di appena diverso da ciò che molti scrittori ci dicono senza equivoco: la sola ragione del viaggio è il tornare per raccontarlo. Un modo di perpetuare il passaggio? Di custodire la memoria della vista? di testimoniarne la tenuta? Di resistere alla dispersione? Di spogliare lo sguardo da schemi e da schermi? Di trasformare gli occhi in Occhio?
Lorenzato confessa: "Ho sempre viaggiato per poter fotografare e ho sempre fotografato per poter viaggiare". Per lui - non meno che per tanti altri turisti - il viaggiare ha senso al patto di finire in una fotografia. Ma per lui - diversamente da tanti altri turisti così come da tanti narratori - ciò che conta è registrare un movimento fissandolo in un incanto, è raggruppare in un clic la prova di uno stupore: come un oggetto che perda la sua funzione, come un gesto che si spogli della sua utilità per fissarsi nella pura grazia del segno. La rilevanza fenomenica, la documentabilità di un rito, di una maschera, di una faccia, di un costume, non sono che dati accessori e non hanno valore antropologico se non nel senso più aperto, dunque inadatto ad usi specifici.
L'occhio di Lorenzato è nostalgia di un ritmo universale, è semplicemente ricerca di bellezza (il Goethe delle Affinità elettive che ci avvisa: "la bellezza è ovunque un'ospite benvenuta"), è un occhio che si muove nello spazio e nel tempo ma che aspira ad uscirne. Lorenzato non va in cerca del tipico (o peggio, del pittoresco), ma dell'Unico: di quell'armonia che sta platonicamente dietro ogni speranza. Lorenzato è un nostalgico, perchè nell'altro vede il se stesso perduto, nella moltiplicazione delle differenze coglie l'unità dell'Origine. Il suo "futuro anteriore" (quello che Marc Augé dietro le orme di Lacan fissa come "l'annuncio di una retrospettiva futura", in altro modo parafrasabile nella formula: "Fotografo dunque sarò stato"), più che nella compulsiva avidità della cattura si specchia nella lentezza randagia della gioia contemplativa. I suoi viaggi - nella diversità dei posti - mirano all'identità del posto solo.
Baterebbe per questo l'equilibrio in cui restano incisi i (pochi) paesaggi nella grazia dei pastelli: marezzature geometriche che spiccano dall'indistinto, stabilità astratte che emergono dagli stadi delle tante metamorfosi naturali. Oppure l'allegria caleidoscopica dei colori, in cui a contare - più che la squillante intensità dei toni - è la concordanza degli accostamenti. O ancora (fondamentale) l'euritmia pittorica che si regge su inquadrature in cui la composizione è tutto. L'armonia che emerge dai volti d'ocra e di creta, da barbe tortuose come stalattiti, da capelli contorti come liane, dalle movenze d'una danza rituale, dai rossori di un tramonto, da una sfilata d'un candido colonnato coloniale, da un gioco di reti da pesca che stanno come garze o come nuvole. Al di là della loro individualità, le persone, i paesi, le case, gli oggetti, sono pure forme connesse ad una sorta di suprema e segreta armonia. [..]

GIOVANNI TESIO



 


Nino Lorenzato

I COLORI DEL VIAGGIO

editore L'ARTISTICA
edizione 2001
pagine 260
formato 24x32
legatura cartonata con sovracoperta colori
tempo medio evasione ordine
5 giorni

52.00 €
52 €

ISBN : 88-7320-041-9
EAN :

 
©1999-2017 Tutti i diritti riservati
Via Brofferio, 80 14100 Asti - Piemonte - ITALY
Tel +39 0141594991 - Fax +39 02700415415 - Cell +39 3490876581 - Skype astilibri
Spedizioni standard e corriere espresso in Italia e in tutto il mondo
Riceviamo in sede - a disposizione su appuntamento
P.IVA 01172300053 - Cod.Fisc. BSSVCN50C23B425R - REA AT-93224
info-book@astilibri.com